Books


L'accumulazione delle distanze


La sinfonia della carne

youtube videos

Sergio Cicconi

Patagonia: from Puerto Montt to Puerto Natales

Ethiopia: Hamer market in Turmi

Ethiopia - Virgin Mary Celebration

etiopia - bull jump - salto del toro 1/3

patagonia: dancing with the icebergs

social network

View Sergio Cicconi's profile on LinkedIn

fiction

L’accumulazione delle distanze

Mutazioni, trasformazioni fantastiche, riflessioni sul corpo e su come il corpo, contaminato dal virus della tecnologia, diventa il luogo di riferimento per un’analisi del contemporaneo. Questi i soggetti principali dell’antologia L’accumulazione delle distanze. Molti dei protagonisti dei racconti dell’antologia sono dei dropouts, dei freaks costretti a sperimentare varie forme […]

The Shaping of Hypertextual Narrative

I have already discussed the concept of hypertext in the past when I tried to analyze what hypertexts are, how they work, and how they can be used. I then also described the changes hypertexts are going to introduce in our perception of texts. Placed within the new electronic paradigm, hypertext will introduce substantial changes in our way of dealing with information, of perceiving, creating, preserving, and representing knowledge; in short: our way of thinking. I thus would like to focus here on a special kind of hypertexts: the narrative ones. […]

Narrativa ipertestuale? Non ancora, grazie!

Riuscirà la narrativa ipertestuale, nata e cresciuta sul Web, a soppiantare il libro? E quali conseguenze avrà sui nostri processi cognitivi la rappresentazione del sapere in forma ipertestuale? […]

Alice, davanti allo specchio

mi risulta che sua moglie si occupava anche di intelligenza artificiale, ma non solo. E forse è proprio quello il motivo per cui è stata uccisa.
―Di cosa sta parlando?
―Di un progetto che si chiamava di…― dice, ma non sa come proseguire e deve ripescare l’informazione su un foglio stropicciato che tira fuori dalla tasca. ―Ecco― dice. ―Un progetto di mind uploading. Ne sapeva nulla?
[…]

Immaginare di immaginare di immaginare

Jean de Boneville, nel suo Storie di specchi: dal labirinto al rizoma illumina i lettori sul progetto per un labirinto di luce che Leonardo non riuscì mai a realizzare: la Stanza Ottagonale con pareti a specchio. Pare che mentre Leonardo indagava sulla natura delle immagini speculari, riprendendo il cerchio semicircolare di Tolomeo, disegnò un intreccio di riflessi e un labirinto: otto enormi specchi rettangolari uniti assieme a comporre un mondo senza confini. Incapace di costruirsi da sé lastre riflettenti grandi abbastanza da soddisfare le sue esigenze abbandonò l’idea. […]

Lo sguardo di Moebius

Lo sguardo di Moebius […]

I 365 modi dell’amore

 

Con Gioia mi piace sperimentare. Mi aveva detto «Scoprimi!» un certo numero di volte. «Scoprimi!» guardandomi con aria di sfida. Scoprire significa: togliere ciò che nasconde, protegge; rivelare, far capire, arrivare a conoscere ciò che prima era ignoto. Ogni volta ho provato ad accogliere la sua sfida con queste parole in […]

Le effemeridi della luna nera

 

Scende la sera e da qui, oltre i vetri della finestra, oltre il muro di cinta della villa, vedo nuvole basse, lunghe, colorate di rosso. Tra non molto arriveranno gli ospiti. Le mie guardie si muovono già nel parco con i gesti consueti; girano lente tra le siepi, attorno alla casa, […]

Dalla finestra, i suoi occhi

Ci siamo conosciuti guardandoci. Senza parole. Io affacciato in finestra, lei di fronte, incorniciata nella sua. Eravamo troppo lontani per sentirci o per distinguere i dettagli di un sorriso, di uno sguardo. Ci guardavamo e basta. Poi è successo tutto in fretta. Potrei dire, brevemente: ci guardavamo, molto. Guardarla era diventata un’abitudine per me, forse una necessità. Poi ci siamo incontrati. Mi ha parlato. Dopo, altre parole, un invito. Un altro. E il resto. Come altro avrebbe potuto finire, secondo voi? […]

La scoperta dell’anima

 

Ancora una donna, l’ottava, da quando ha cominciato ad uccidere. Ma questa volta anch’io gioco il mio ruolo, i miei occhi hanno visto, io ero lì nella sala rotonda al secondo piano. Vetri attorno, specchi in cui la mia immagine si moltiplica, si perde in labirinti. Camminavo, come le altre volte, […]